CLICCA

Archivio delle notizie di graffignananew.it

ARTICOLO TRATTO  DA "IL CITTADINO" DEL  19/01/2011 - San Bassiano, la storia, la religiosit... in dialetto
,


Modesto Tonani di Zelo Buon Persico ricorda lepoca del patrono di Lodi, Pino Pagani di Codogno un rito campagnolo
San Bassiano, la storia, la religiosit... in dialetto
Regaliamo agli appassionati due articoli scritti nellantica lingua dei nostri padri
 


In questa edizione del Cittadino del 19 gennaio, giornata in cui si celebra la memoria di San Bassiano, patrono della citt e della diocesi di Lodi, siamo lieti di regalare ai lettori appassionati dellantica lingua della nostra terra, due ampi articoli in dialetto.San Basn,el vesch de LodLa religiuit dun popul l segnda dai s santi e prufeti, bon de parl in num dla cumnit dle situasin ch i ghhan da afrunt e di prublema dla vita de tti i d. Religiuit cristiana bada sl popul: F ts cs ne la speransa de unurl Signur, tantu p che ven tt da L, cul fine de armuni la realt terna cun la rigenerasin del bat. Lom cul s laur el cerca strade nve el cunsrva qule vege. Cumnit come mudernit, due el sir el vtal puvrt secunda linsegnamnt del vangeli. Ai tempi de Ruma la religion la tulerva tante divinit pagane, anca luntane. A Laus ghra l clt de Ercole, Minerva, Mercurio, Mitra, Mefite, dlimperadr e di morti. Le prime nutisie de comnit cristiana i rivun dal 300, da un no a sant Ambr per i martiri Vitr, Nabore e Felice, cundna eemplr in rival Sler datu che a Laus ghra tanta fed, cun arcipreti e dicuni e furse giam un vesch. A San barnaba se rimanda le prime predicasin del vangelo. Furse anca san Siru per la vicinansa de Ticinum cun la diocesi de Laus. Cun la libert de clt de Custantn, (edt de Miln, 313), fins le persecsin cuntra i cristian, quasi el 10% di 50 milion de gent duminde da Ruma; tanti funsiunri rumn i sustgnun la nva religion e i divntu veschi, cume Ambr de Miln, Basn de Laus, Felice de Cum, Savn de Piaensa, Gaudensio de Brsa e Gaudensio de Nura. Cun ledt de Grasiano e Teodosio se ricuns la fed de lapstul Pietro e lasin di veschi la se svilpa cume ai tempi di apstui: in tte le cit ns una cea cul s vesch e la s diocesi, sutupsti del metropolita de Miln. Ogni cea la vantva urgin apostoliche cume per ds impurtansa. El 19 de Genr del 374 nasva la diocesi de Laus e la piet pagana la se lasva ilmin da Nost Signr Ges Crist. Cuminceva un temp de evangelisasin dle campagne tra Ada Lamber e Po. A la fin del IV e nel V secolo nas le parchie e le cee de campagna; i veschi, cume apstui, i van in visita a le comnit dle s diocesi. Per sinodi e cuncli, per la diocesi e la cea catolica, i se rinvu almn du volte lan, cun vigi, cunusense, amicisia e culaburasin. Lra linsegnament di apstui che diventva consuetdin di veschi. La vita dle diocesi lera bada sl vangeli e la carit, cume cun la sta e la carestia del 383.S la fin del IV secul, a 55 ani det, San Basn l cunsiderd el prim vesch de Laus. Lha guernd la s cea per 35 ani e vint d; a 90 ani det, lasnda a la tera el s corp ne la gioia, lndi in ciel quan ghra cnsui Onorio per lutva volta e Teodosio per la trsa, nel 409. Am de gent e de cltre, de Ambr e de Felice, apstul de la fed e de la carit, lra mudrn in sen a la s gent nda n dla diocesi e prutta da la divusin. N di decreti del cuncli de Aquileia del 381 e n dle letre al papa ghr le firme de Basn, Ambr, Savno e i olter, segn de amicisia fraterna. In una letra Ambr l invta Felice de Cum a cunsacr la basilica di XII Apstui de Laus, nsma Basn, nel d ps bl per tta la diocesi, clmin dlativit pasturl ne la cea mader (fin de utber del 387).Basn el vegliar le ltime ure del s am Ambr el rendar testimuniansa dla s santa mort, nel 397. I run tempi difcii, cun Ruma chendva a baln e le invain e distrsin di barbari de tte le rase. Basn cu i olter veschi lha fi da pader e difensr dla fed cristiana, nica realt dopu la fin dlimpero e fundament dla ftra gent italica cristiana e catolica; la diocesi de Laus la s mantegnda intta nel temp. Secnd la tradisin, i primi d preti dla diocesi i run un cert Ilario s le rive del Po e un pret de Scgni, vn di siti ps antichi del ludean ( V, V sec).Nel 405 papa Inucns I el cnvucan cuncli a Ruma, due riva i vari veschi dle diocesi padane. Basn lera sti a c perchl ghva quasi nuantani Turnndandr da Ruma, Gaudensio de Nura el riva a Po per la via Emilia, el traghta e l senva n vr Laus per sald Basn e cntgh s le nuit; da ll sars ndi p n vr Miln per preg s la tumba de Ambr. Srem in genr, fan freg che ela fin i cru; la campagna, quarcida de nev imaculda, fai sn dla nebia fregia lda, la tira a trampa, la ghe f sbagli strada e, dop Marianl, el vesch el se trvan dun sitn sperdd in me ai campi, Scgni, che urmai lr fusch. Strch e famd, el pica a la porta del prevst: buna acugliensa e tanta riverensa per s ecelnsa, ma de mangi ghr gnent, gnanca n mursl de pan, nn c del prevost n prel pa; i Goti de Alarico i vun purtd via ts cos. El preld el tira fra na saclna dsumensa e l ghe di al pret dend sumnla n dlort.Ma Ecelensa, sem al 22 de genr, lort l pien de nev, me fmia, cun tta la buna vulunt, gnan un miracul Ti vn dlort e sumna suta la nev, te vedar. El prevst el scurls la testa mal v, el f tt per ben, e, dopun para dure era nasd le rave che, catde e purtden taula, i han sfamd la cumitiva, cumpagnde da laqua diventda vin an segn de cr del vesch. La nutsia del miracul dle rave la s prupagda a Laus da Basn e n po n pertt i circundri dle diocesi e, a la s mort, la gent de Scgni lha numind san Gaudensio patrn dla s parchia.Tra storia e fantasia, tra un nigul e un rag de sul, na burda ena lghra, siamesesa, anca stan gh san Basn che ciama nm luden a mesa nel s dom.Ah, le rave! I mulficu, i tartficu, i fan pis ciar e destacl catr.A ri e vre.Tino.vet (Modesto Tonani)Zelo Buon Persico La religiosit di un popolo viene espressa dai suoi santi e profeti, in grado di parlare, a nome della comunit, delle situazioni che si devono affrontare e dei problemi della quotidianit. La nostra una religiosit cristiana a base popolare: operare con lintento di onorare il Signore, tanto pi che tutto viene da lui, col fine di armonizzare la realt terrena con la rigenerazione del battesimo. Luomo col suo lavoro cerca strade nuove e conserva quelle conosciute. Comunit come modernit, dove il ricco aiuta il povero, secondo linsegnamento del vangelo. Ai tempi di Roma la religione tollerava numerose divinit pagane, anche lontane. A Laus cerano i culti di Ercole, Minerva, Mercurio, Mitra, Mefite, dellimperatore e dei morti. Le prime notizie di una comunit cristiana ci arrivano dal trecento, da un inno di santAmbrogio per i martiri Vittore, Naborre e Felice, esecuzione esemplare in riva al Sillaro poich probabilmente a Laus cera gi tanta fede cristiana, con sacerdoti, diaconi e forse anche un vescovo. Le prime predicazioni del vangelo si attribuiscono a san Barnaba; probabilmente anche san Siro, per la vicinanza di Ticinum con la diocesi laudense. Leditto di Costantino, Milano 313, pone fine alle persecuzioni e sancisce la libert di culto dei cristiani, ormai il 10 % dei 50 milioni di sudditi dellimpero romano. Molti funzionari romani abbracciano la fede cristiana e diventano vescovi, come Ambrogio di Mediolanum, Bassiano di Laus, Felice di Comum, Savino di Placentia, Gaudenzio di Brixia e Gaudenzio di Novaria. Col successivo editto di Graziano e Teodosio si riconosce la fede dellapostolo Pietro e lopera dei vescovi si sviluppa come ai tempi degli apostoli: in ogni citt nasce una chiesa col suo vescovo e la sua diocesi, sottoposti al metropolita di Mediolanum. Ogni chiesa vantava origini apostoliche per godere di maggior lustro. Il 19 gennaio del 374 nasceva la diocesi di Laus e la piet pagana si lasciava illuminare da Nostro Signore Ges Cristo. Cominciava un tempo di evangelizzazione delle campagne poste tra i fiumi Adda Lambro e Po. Sul finire del IV e nel V secolo nascono le parrocchie e le prime chiese di campagna; i vescovi, come apostoli, vanno in visita presso le comunit delle loro diocesi. I vescovi viaggiavano molto: per sinodi, concili, per le loro diocesi e per la chiesa cattolica tutta; si riunivano almeno due volte lanno, motivo di conoscenza, amicizia e collaborazione. Linsegnamento degli apostoli diventava loro consuetudine. La vita delle diocesi era fondata sul vangelo e la carit, come in occasione della siccit e relativa carestia del 383. Sul finire del IV secolo, a 55 anni di et, san Bassiano considerato il primo vecovo di Laus. Ha governato la sua chiesa per 35 anni e venti giorni; a novantanni di et, lasciando alla terra il suo corpo nella gioia, salito in cielo quando erano consoli Onorio per lottava volta e Teodosio per la terza, nel 409. Amico di genti e di culture, di Ambrogio e di Felice, apostolo della fede e della carit, era moderno in seno alla sua comunit, unita nella diocesi e protetta nella devozione. Nei decreti del concilio di Aquileja del 381 e nelle lettere al papa compaiono le firme di Ambrogio, Bassiano, Savino e gli altri, prova di amicizia fraterna. In una lettera, Ambrogio invita Felice di Comum alla consacrazione della basilica dei XII Apostoli in Laus, insieme a Bassiano, nel pi bel giorno per tutta la sua diocesi, culmine dellattivit pastorale nella chiesa madre. (fine ottobre 387).Bassiano veglier le ultime ore del suo amico Ambrogio e render testimonianza della sua santa morte, nel 397.Erano tempi difficili, con Roma che volgeva al declino e le invasioni distruzioni delle orde barbariche. Bassiano con gli altri vescovi stato padre e difensore della fede cristiana, unica certezza dopo la fine dellimpero e fondamento della gente italica cristiana e cattolica; la diocesi di Laus si mantenuta integra nel tempo! Secondo la tradizione, i suoi primi due presbiteri furono un tale Ilario in riva al fiume Po e un prevosto di Secugnago, uno dei vici pi antichi dellager laudensis (IV, V sec.).Nel 405 papa Innocenzo I indice un concilio a Roma, dove arrivano i vescovi padani, tranne Bassiano, rimasto a casa perch ormai quasi novantenne. Tornando da Roma, Gaudenzio da Novaria arriva al Po per la via Emilia, traghetta il fiume e si avvia alla volta di Laus per visitare Bassiano e informarlo in merito alle ultime disposizioni. Da l avrebbe proseguito per Mediolanum dove avrebbe pregato sulla tomba dellamico Ambrogio. Eravamo in gennaio, il freddo polare gelava persino i corvi; la campagna coperta di neve immacolata e avvolta nella nebbia gelida lo inganna; sbaglia strada e, dopo Melegnanello, il vescovo si trova in un villaggio sperduto in mezzo ai campi, Secugnago, ormai allimbrunire. Spossato e affamato bussa alla porta del prevosto: buona accoglienza e tanta riverenza per Sua Eccellenza, ma niente da mangiare, manco un pezzo di pane, n in casa del sacerdote n per tutto il paese. I Goti di Alarico avevano razziato ogni cosa. Il prelato toglie di sotto il mantello un sacchetto di semi e lo porge al prete invitandolo tosto a seminarli nellorto. Ma Eccellenza, siamo al 22 di gennaio, lorto coperto di neve, come si fa, con tutta la buona volont, nemmeno un miracolo! Tu v nellorto e semina sotto la neve, abbi fede. Il prevosto scuote il capo ma va nellorto e fa tutto per bene; dopo un paio dore spuntano le rape che, colte e portate in tavola, sfamano la comitiva accompagnate dallacqua trasformata in vino da un segno di croce del santo. La notizia del miracolo delle rape si diffuse a Laus da Bassiano e nei circondari delle diocesi e, alla sua morte, i fedeli di Secugnago vollero san Gaudenzio patrono della loro parrocchia. Tra storia e fantasia, una nube e un raggio di sole, una nebbia e un fiocco di neve, comunque sia, anche questanno san Bassiano ci aspetta a messa nel suo duomo. Ah, le rape! Ammorbidiscono, stimolano lintestino, favoriscono la diuresi ed espettorano il catarro.Arrivederci!Tino.vet (Modesto Tonani)Zelo Buon PersicoInvrn vr dal nimal e salm
Tante le parl anca l d dinc chi ghn al sts significd e is dsun in manera divrsa. L al temp dal nimal, dal roi, pursl, vr o dla so fmna, la lgia. Bestia , in ca stagin ch dlinvrn cla gh risunna particulr .Puvrn , l l fi gnent ad mal ma l destind a fa na brta fi. Avar ble capd che chi parol ch i n dal siur Santin Bartult, che am unaltra volta, leva dit che quand in casina a la Mlasna, rivva al maslr par mas l niml, l l saluntanva, parch agh piasva miga vd la scna!Destd al fva al marangon, ciu as disars inc cun una parola ps moderna, al lignam cal riparva car e cart e dinvrn apunto, al fva s l nimal, tame un medgn. Ogni maslr al ghva la so man. Quel cal fva lra segrt e la so specialit lra l salm. T suocer, Truncunn, da Pumati lra vn ad qui.Da nm gnva un certo Scala, par al fs anca al sacrsta a la Trinit a Cudgn, o forse ma sbagli, ben andn inanscul d ca destd apunto al fva l lignam e dinvrn: cupa e parst cot, crd , spla par di miga che dal por nimal, gnva fra i custn, par d da cal bl pit da mt s la tula: custaii cui vrs, al guancil, i sanfn, la testina, e tame dasmenteg l sampn cun le lnti cads l un siur piat par lltm ad ln, p i cudghn o la testna.Alvd in dla famiglia di paisn in casina, qui ubligd chi ghvun ch la c e anca l pursl cul pul, al roi, vn di tanti num da ca bstia ch, da lacin agh sa dva la scta, ciu al scart dla laurasin dal lat, che nm da fii ca stvum miga in casina, cunusvum ben pral Latsio, stablimnt atch a la feruva , da Pulngh in due laurva l bon siu Piru un bl pescad, stablimnt cads l sti tt trai su par fagh post a un valt pals chi cimun al mstor e in fianch un parchgio pr i mchin e indu ghra diretur al dutur Besna ca ch al stva cun la so famlia. Dla gran brva gnt da bn! La scota - na ds am al siur Bartult - la serviva l nimaln par fs i os, p laginta dla crsca fin aturn ai 50 chili par pas l past cumplt par lingrs e via discorndo fin a quand, in ca stagin ch al fnva i so d, par dvent qul chm am elencd prima.La mlga dispunbil la prmtva dalv l nimal. M p Carlu, a primavra al tudva un nimaln: una cara bestila ca safesiunva sbot e tant a la m famiglia. Ta bastar sav ca quand turnvi da scola al disn, pasgivi cun l , al nimalm, tame l fds un cagnuln, ma snsa guinsaglio. Lra bidint. Cul ms al rughva dapartt. A pasegida fnda turnvum in casina e l, al nimaln, cam ricord miga davgh mai dt un num, al sva sbot in due and!Am dasmenteghvi da d, - agh tacatach al siur Santn - par turn indr un ps, ca m nonu Santu, lra cunvnt cal lrd cun la vna e ben stagiund, vn di prudut ricavd da la laurasin dal nimal, al fva ben e l guariva tti maln.Lacna lamis cudugnn, a na puesa in dialt chlva scrt ani fa cun la dedica a un tal siur cas ciamva anca l Bartult, ca pr l miga un so parnt ma cal ghva al laurri a Grafignna, na spcie ad testamnt dal pursl in due al disva da cal post ch ca i larun am a la vcia manra, tt a man, cun un parfm ca sa snt da st in pisa. Insuma, l un salumificio, tame na volta qul ad San Fiurn - sit in due son nasd mi - in dla nosta bla campagna vrda ca par tast cla bunt ch, at levarsi s ancad not a manginu na fta.Un quaidn suna al canclt ad c. L Giusp Vechiti, ca na volta lra s a la Lucnda d San March e al par clbia sentd quel ca srum adr a d parch l, cal vgn propi da Grafignna, al cumncia a d sa svum dal salm ad fdgh, l par la vrit al ds in dal so dialt ps ludn, fdgh, ciu le prt rse dal nimal, le tante spsie cucr tame la nus muscda, la canla l pvor e dal casl cal serviva da mt limpst in dal bdl cl, qul rtogh, pesant cal duva cs tame un cudghn.Vchiti agh taca tch al ms-vin, al pan e vin, e p la pia, tti e tanti altor amencul e argumnt caprufundirm in unaltra ucasin.Ads intnt gstm, in sgn, qul clra un pit ad gnt puvrna in due gnnt as distrg ma tt as trasfrma, da cal salm grs clra sti ft da un Nadal e p as mangva a clltor, dal so angul particular senaria, cul grd gist dmdit par fal stagiun sena muf.As cuntentem da lap un bicertu ad rus amr. Ad qul bon , tame una volta lra qul schisd cui p al San March. Sa saldm e ntant ca turnem a c, traversm Cudgn e fm la via Ruma, trum i fradi Arnold, d bi gin. esprt in dal rm dal furmi e di salm chi stan al Vilgio e i fan i marc in gir par le pise. Chi i n cul so banch , asma a di altor cumercint. LAsuciasin par le fste lanima l cntor strich . Tastm na fta da scotadd ca l prpi una grand bunt. Pecd ca gh miga al siur Santn Bartult sidn avarsum sentd unaltra lesin sl roi, al vr, al niml, la lgia, al pursl ca p l la stsa bstia ca, in ca stagin ch , l rivd a la fin dla so vita , par trasfurms in un quaicos ad meravilis .Ciau n , a la prsima.Pinu Pagn cudugnn Come le parole , anche al giorno doggi che hanno lo stesso significato e si pronunciano in maniera diversa. il tempo del maiale, del porco, porcello , verro o della sua femmina, la scrofa. Bestia , in questa stagione qui dellinverno che ha risonanza particolare.Poverino, lui non ha fatto niente di male ma destinato a fare una brutta fine. Avrete gi capito che queste parole qui sono del signor Santino Bertoletti che gi unaltra volta, le aveva dette quando in cascina alla Mulazzana arrivava il macellaio per ammazzare il maiale, Lui si allontanava perch mica gli piaceva vedere la scena!Destate faceva il falegname, cio si direbbe con una parola pi moderna, lignam che riparava carri e carrette e dinverno appunto, confezionava il maiale, come un medicastro. Ogni macellaio aveva la sua mano. Quel che faceva era un segreto e la sua specialit era il salame . Tuo suocero, Tronconi, da Pomati era uno di quelli. Da noi veniva un certo Scala, pare facesse anche il sacrestano alla Trinit di Codogno, o forse mi sbaglio, bene andiamo avanti col dire che destate appunto faceva il falegname e dinverno: coppa e prosciutto cotto, crudo, spalla per non dire che del povero maiale, uscivano costine, a dire di quel bel piatto da mettere sulla tavola: costoletta con le verze; il guanciale, le zampette , la testina e come dimenticare la salsiccia e gli zamponi con le lenticchie che adesso un signor piatto per lultimo dellanno e poi i cotechini!.Allevato dalla famiglia dei contadini in cascina, quelli obbligati avevano qui la casa e anche il porcile col pollaio, il porco, uno dei tanti nomi di questa bestia qui, da lattante gli si dava il siero, cio lo scarto della lavorazione del latte, che noi ragazzini che non abitavamo mica in cascina, conoscevamo bene per il Lattosio, stabilimento vicino alla ferrovia, di Polenghi (Lombardo) dove lavorava il buon zio Piero, un bel pescatore, stabilimento che adesso stato tutto demolito per fare posto ad un alto palazzo che chiamano mostro e in fianco un parcheggio per le macchine e dove cera direttore il dottor Besana che qui abitava con la sua famiglia. Della gran brava gente davvero!Il siero ci dice ancora il signor Bertoletti serviva al maialino per farsi le ossa, poi laggiunta della crusca fino attorno ai 50 chili per passare allimpasto completo per lingrasso e via discorrendo fino a quando, in questa stagione qui finiva i suoi giorni, per diventare quello che gi abbiamo detto prima.La melica disponibile permetteva di allevare il maiale. Mio pap Carlo, a primavera comperava il maialino: una cara bestiola che saffezionava subito e tanto alla mia famiglia. Ti baster sapere che quando tornavo da scuola al pomeriggio, passeggiavo con lui, il maialino, come fosse un cagnolino, ma senza guinzaglio. Era ubbidiente. Col muso ruspava dappertutto. A passeggiata finita tornavamo in cascina e lui, che non mi ricordo mica davergli dato mai un nome, sapeva subito dove andare!Mi dimenticavo di dire aggiunge il signor Santino per tornare indietro un passo che mio nonno Sante, era convinto che il lardo con la vena e ben stagionato, uno dei prodotti ricavati dalla lavorazione del maiale, faceva bene e guariva tutti i malanni.Accenna lamico codognino, ad una poesia in dialetto che aveva scritta anni fa con la dedica a un tal signore che si chiamava anche lui Bertoletti che per non mica un suo parente ma che aveva il laboratorio a Graffignana, uno speciale testamento del porcello dove diceva di quel posto qui che lavorano ancora alla vecchia maniera, tutto a mano, con un profumo che si sente stando in piazza. Insomma un salumificio come una volta quello di San Fiorano - sito dove sono nato io - nella nostra bella campagna verde della bassa, che per assaggiare questa bont qui, ti alzeresti anche di notte a mangiarne una fettina.Qualcuno suona al cancello di casa . Giuseppe Vecchietti, che una volta era alla Locanda San Marco e che pare abbia sentito quello che stavamo dicendo perch lui, che viene proprio da Graffignana, comincia a dire se sapevamo del salame di fegato?, lui per la verit dice nel suo dialetto, pi lodigiano: fidgh, cio le parti rosse del maiale, le tante spezie che occorrono come la noce moscata, la cannella il pepe e del mestolo che serviva a mettere limpasto nel budello anale, quello spesso, pesante che doveva cuocere come un cotechino.Vecchietti ci attacca il mezzo vino, il pane e vino, e poi la paglia, tutti e tanti altri articoli e argomenti che approfondiremo in unaltra occasione. Adesso intanto gustiamo, in sogno, quello che era un piatto di gente povera dove niente si distrugge ma tutto si trasforma, di quel salame grasso che era stato confezionato verso Natale e poi si mangiava a quel altro, appeso, nel suo angolo particolare senzaria, col grado giusto di umidit, per farlo stagionare senza ammuffire. Ci accontentiamo di bere un bicchierotto di rosso amaro. Di quello buono, come una volta era quello pigiato coi piedi al San Marco. Ci salutiamo ed intanto che torniamo a casa, attraversiamo Codogno e percorriamo la via Roma. Troviamo i fratelli Arnoldi, due bei giovani, esperti in formaggi e salumi che abitano al Villaggio e fanno i mercati in giro per le piazze. Qui sono col loro banco, insieme ad altri commercianti. LAssociazione per le feste anima il centro storico. Assaggiamo una fetta di scottadito che proprio una grande bont.Peccato che non c mica il signor Santino Bertoletti altrimenti avremmo sentito unaltra lezione sul porco, il verro, il maiale, la scrofa, il porcello che poi la stessa bestia che, in questa stagione qui, arrivata alla fine della sua vita, per trasformarsi in un qualcosa di meraviglioso.Ciao n, alla prossima.Pino Pagani - codognino

 


 

CLICCA