CLICCA

Archivio delle notizie di graffignananew.it

ARTICOLO TRATTO DA "IL CITTADINO" DEL 20/7/2011 - Leva vendud le scarpe del baln

Leva vendud le scarpe del baln


Graffignana - Nel me pas, un p de ani fa, ghera ps usterie che negosi. I omi i sbagasevun tti i d e al venerd da sira fina ala dumenica dubs i bevevun tame vedi, ghnevun mai as. Ma de quel che cnti ades, a gh nera certi che nla so manera, ian fai un p la storia del pas. I gnevun gi dla culna una volta o d la stemana cun un traturin che se tacheva am cun la corda. Vn davanti e lalter sl caretn dedr. El prim el se ciameva Gino, semper rabis me ndiul. Lalter, magher infilsent cun un nas che pareva un bec, la ciamevun Cesarino. In pas i cunusevun tti cume i Bertari. Quand che gneva gi lur, tte le usterie i erun in trambst: Gh rivad i Bertari, al gi rsi a brs!. Vn el pagheva e lalter el ciapeva el rst. Quel che pagheva, dopu, e ndeva a tacalt cun lost, perch el vedeva mai ndr i dan. Se i bevevun trop i gnevun cativi e i rghevun cun tti e se te ghe sifulevi adr e lur i te sentevun, i branchevun el traturn e i te curevun adr per tt el pas. Dupo i ndevun in culna e i durmivun per n stemana de fila sensa sav nd i erun.

Quand che gneva la Fra, gireva per tte le usterie un umetn chla ciamevun al Merlu. Se sva no da che part el riveva, ma quand in pas el gireva l, tti nm fii ghe nedevem adr per sent el vers del merlu.

Ps lera in gaina e ps el vuseva, el tireva s el col fin a fa bal tt el gargaros.

Se ndevem pr campi o pr rivn spes e vulentra truevem semper un om gras, plad in testa chel parleva ndr per l o cul so asnn. El se ciameva Angelo Salatina. Ogni volta chel ghe vedeva, el vureva che ndevem cum l a rub le angurie. Ma sto om ler ble mat per so cunt, se p el gheva gi un para de rsi, el sva p manca da che part ler girad. A lera semper l cl fg ndel cl. El fermeva lasnn in un canton e p la trueva pu. Nedevem adr a l per and a rub le angrie, el ghe purteva ndi campi di patati. Dopu el sva p se lera gnd cun lasnu o in bicicleta e nm sciupevem a rid. L alura el se rabieva, perch el credeva che ghevem purtad via lasnn. El ghe cureva adr cun el baston en man e nm a scap a scap pri campi e a rid.

Dopu qualche d, tel vedevi in pas cul caretn tacad al so sumarn cel vuseva: Go i patati, go le sigule, go i pri, go i pumi. Lera tta roba grama chel cateva ndi campi e la sa apena el Signur e la Madona a chi l che gla deva. Ura d'la sira e ndeva in c de quater done vegie, el ghe rseva l un p de roba marsa sl taul per fas d cinquanta franchi per p nd a bev un rs da Pina la Pogia.

In chi ni l, gigheva nla squadra de baln del pas, un purter che se ciameva Ricu el Paia.

Ricu el gheva semper insema el so sociu, Cirilino, un umetin picinin e magher che ghe feva rifurniment. Prima che cuminceva la partida, el ghe metva el butiglin de rs dedr la porta. E Ricu, se ft se fo, a lera l a dag un glon; vun ads, vun dopu e un altram, el feva de che salti chel pareva un gat. Apena che Cirilino el vedeva chel butiglin lera adr a vudias, la brancheva e p e ndeva de cursa a fag el pien. E al, Ricu el Paia el te ciapeva ttcs: gambe, brasi e baln ensema. El vuleva fin a impastas atac ai pi.

In pas i cntevun che na volta i erun ndai a gig in trasferta i ghevun p de dan per bev. Ricu lera disperad, el vedeva p nanca la bla. I han duvd tiral fra perch el ciapeva el gol da tti i canton. Ura dla sra leva fin vendd le scarpe de baln per bev un para de rsi; vn l e vn el so amis Cirilino.

Aveva venduto le scarpe del pallone (Traduzione letterale dal dialetto lodigiano)

Nel mio paese, un p di anni fa, cerano pi osterie che negozi. Gli uomini sbevazzavano tutti i giorni e al venerd sera fino alla domenica pomeriggio bevevano come vitelli, non ne avevano mai abbastan za. Ma di quello che racconto adesso, c nerano alcuni che, nella loro maniera hanno fatto un p la storia del paese. Venivano gi dalla collina una volta o due alla settimana con un trattorino che si accendeva ancora con la corda. Uno davanti e laltro sul carrettino di dietro li primo si chiamava Gino, sempre arrab= biato come un demonio. Laltro, magro striminzito con un naso che sembrava un becco, lo chiamavano Cesarino. In paese li conoscevano tutti comi i Bertari. Quando venivan gi loro, tutte le osterie erano in trambusto: sono arrivati i Bertari, al gi rossi a go go!. Uno pagava e laltro prendeva il resto. Quello che paga va allora andava a litigare con loste, perch non trovava mali soldi del resto. Se bevevano troppo diventavano cattivi e bisticciavano con tutti e se gli fischiettavi appresso e loro ti sentivano, afferravano il trattorino e ti rincorrevano per tutto il paese. Dopo andavano in collina e dormivano per una settimana filata senza sapere doverano. Quando veniva la Fiera, girava per tutte le osterie un omettino che lo chiamavano el Menu. Non si sapeva da che zona arrivasse, ma quando in paese girava lui tutti noi ragazzi lo seguivamo per sentire il verso del merlo. Pi era ubriaco e pi gridava, tirava su il collo fino a far ballare tuffo il gargarozzo. Se andavamo per i campi o per i rivoni spesso e volentieri incontravamo sempre un uomo grasso, pelato in testa che parlava da solo o con il suo asinello. Si chiamava Angelo Salatina. Ogni volta che ci vedeva, voleva che andavamo con lui a rubare le angurie. Ma questuomo era gi matto per conto suo, se poi aveva gi un paio di rossi, non sapeva neppure da che parte era girato. Era sempre l con il fuoco nel culo. Fermava lasinello in un angolo e poi non lo trovava pi. Andavamo dietro a lui per rubare le angurie, e ci portava nei campi di patate. Dopo non si ricordava se era venuto con lasino o in bicicletta e noi scoppiavamo a ridere. Lui allora si arrabbiava, perch credeva che gli avevamo portato via lasinello. Ci rincorreva con il bastone in mano e noi a scappare a scappare per i campi e a ridere. Dopo qualche giorno, io vedevi in paese col carrettino attaccato al suo somarello che gridava: Ho le patate, ho le cipolle ho le pere, ho le mele. Era tutta roba mi sera che raccoglieva nei campi e lo sa solo il Signore e la Madonna a chi gliela vendeva. Prima di sera andava in casa di qualche donna anziana, gli metteva un p di roba marcia sul tavolo per farsi dare cinquanta lire per andare a bere un rosso da Pina la Pogia. In queglanni, giocava nella squadra di calcio del paese, un portiere che si chiamava Ricu el Paia. Ricu aveva sempre insieme il suo socio, Cirilino, un omettino piccolo e magro che gli faceva rifornimento Prima che cominciasse la partita, gli metteva il bottiglione di rosso dietro alta porta. E Ricu, faceva finta di niente e andava li a fare un sorso; uno adesso uno dopo e un altro ancora e faceva certi salti che sembrava un gatto. Ap pena che Cirilino vedeva che il bottiglione si stava vuotando, lo afferrava e andava di corsa a fargli il pieno. E al, Ricu el Paia parava tutto: prendev gambe, braccia e pallone insieme. Volava fino a sbattere contro i pali. In paese raccontavano che una volta erano andati a giocare in trasferta e non avevano pi soldi per bere. Ricu era disperato, non vedeva nemmeno la palla. Dovettero sostituirlo perch prendeva il gol da tutte le parti. Prima di sera aveva persino venduto le sue scarpe da calcio per bere un paio di rossi; uno per lui e uno per il suo amico Cirilino.
Autore: Costante Passera

 





 

Hit Counter


 

CLICCA